Pages Navigation Menu

CRISTIANI DEMOCRATICI UNITI DEL PIEMONTE

Nuovo Simbolo per una nuova Stagione

Nuovo Simbolo per una nuova Stagione

Il simbolo del CDU è lo Scudo Crociato con scritta Libertas, il glorioso vessillo innalzato da Luigi Sturzo nel 1919 per marcare il popolarismo e ripreso dalla Democrazia Cristiana tra il 1943 ed il 1994.

Il CDU mantenne questo simbolo dopo la scissione del nuovo PPI, nato nel 1994 e divisosi nel 2005 tra la componente che sarebbe confluita nel PD (il partito erede della Sinistra storica) e quella che avrebbe continuato nell’UDC una tradizione non assimilabile a nessun’altra.

L’UDC ha nel suo simbolo lo Scudo Crociato perché ve lo ha portato il CDU.

Oggi che il CDU riprende una sua vita autonoma, sull’onda di quello che reputa il fallimento dell’esperienza dell’UDC, colpevole di aver annullato la propria identità omologandosi alla logica dei partiti personali, avrebbe il diritto di presentarsi nelle competizioni elettorali col proprio, glorioso simbolo.

Tuttavia, la realtà giudiziaria in materia elettorale dimostra che le liste del CDU caratterizzate dallo Scudo Crociato si scontrerebbero contro ricorsi e sentenze imprevedibili.

Il risultato sarebbe l’impossibilità a competere.

Pertanto, il CDU, interessato essenzialmente all’opportunità di fornire una convincente proposta politica, decide autonomamente di non utilizzare al momento nelle competizioni elettorali il suo glorioso simbolo.

Ne presenta uno nuovo, fresco ed essenziale, privo di rischi legati ai cavilli legali, ma anche emblematico della volontà di scrivere una pagina nuova dell’impegno dei cristiani democratici italiani in politica.

Non tutti i mali vengono per nuocere.

Con questo simbolo sarà più efficace presentare una nuova classe dirigente, ancorarsi ai valori europei del popolarismo (di cui la CDU tedesca è la portatrice più visibile) e proporre un rinnovato impegno dei cristiani democratici nella contemporaneità della globalizzazione, dove vi è ancora più bisogno del loro impegno e dei loro ideali, dove si moltiplicano a dismisura le contraddizioni, ma anche le occasioni, per praticare il bene comune e la promozione umana.

Ed il CDU sceglie queste ultime.